Normativa

Superbonus al 110%: un cappotto è per sempre!

Dicembre 16, 2020

Ho affrontato il tema del Superbonus spesso, a volte in maniera ironica ed altre in maniera seria, parlando sempre della grande opportunità che rappresenta ma anche dei rischi se non affrontato in maniera giusta. Questo post è serio, ed è stato ispirato da un caro collega. Grazie al Superbonus verranno istallati tantissimi cappotti esterni ad edifici esistenti riqualificandoli sia da un punto di vista energetico che estetico, tutto ciò è assolutamente positivo. Bene, se un cappotto è fatto bene ha una durata ultra decennale, e sono sicuro che sarà così nella quasi totalità dei casi. Questo significa che le murature delle nostre abitazioni saranno quindi nascoste per sempre, non potranno più parlarci, mostrarsi i loro malesseri, le loro lesioni. Non sarà più possibile leggere la struttura se non con metodi distruttivi o analisi complesse. Questo è pericoloso perché non mi stancherò mai di dirlo: un edificio ci avvisa sempre dei suoi problemi prima di cedere, basta ascoltarlo. Ecco, con il cappotto esterno sarà più difficile, molto più difficile. E allora? Allora la risposta è semplice, il Super Bonus 110% prevede detrazioni anche per gli interventi strutturali, quando monteremo i ponteggi per il cappotto e rimuoveremo gli intonaci lo stato delle murature verrà rivelato: interveniamo! Risolviamo i vari piccoli problemi o debolezze che i nostri edifici storici inevitabilmente hanno: architraviamo le aperture, risarciamo le lesioni, ripristiniamo la continuità strutturale, miglioriamo gli ammorsamenti, facciamo le fasciature di piano… Esistono tantissime tecniche avanzate o tradizionale assolutamente invisibili e che aumentano enormemente la sicurezza di un edificio esistente. Il momento è ora, una volta messo il cappotto sarà troppo tardi.

La sicurezza è l’unica strada sostenibile.

ing. Braian Ietto

Fondatore di Ingegneria e dintorni e direttore responsabile de Lo Strutturista.

COSTRUIAMO L'EDILIZIA DEL FUTURO